Treccani Arte

Treccani Arte: uno dei più recenti progetti dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana fondata nel 1925 da Giovanni Treccani e Giovanni Gentile e diretto dal 2015 da Massimo Bray, interamente dedicato all’arte contemporanea e al design.
Da sempre impegnato nella ricerca e nella divulgazione della cultura, con questa nuova sezione l’Istituto ha deciso di affidare a Iacopo Ceni la prima raccolta enciclopedica completamente dedicata alla creatività contemporanea internazionale, attraverso la produzione di mostre, multipli d’artista e pubblicazioni, con l’intento di dare al pubblico uno strumento adeguato e di accompagnarlo nella conoscenza e nella comprensione dell’arte contemporanea, nonché promuovere il confronto e favorire una rete attiva tra i diversi attori nel campo di questo settore.

Le prime due iniziative di Treccani Arte sono L’Enciclopedia dell’Arte Contemporanea e Alfabeto Treccani.
L’Enciclopedia dell’Arte Contemporanea, diretta dal critico, curatore e docente presso l’Università Iulm di Milano Vincenzo Trione e per la quale si sta lavorando già da qualche anno, è un progetto unico nel suo genere. L’obiettivo è quello di censire e classificare – non solo a livello nazionale ma internazionale – artisti, critici, storici, curatori, direttori di musei, galleristi, mercanti d’arte, ma anche architetti, stilisti e registi cinematografici che abbiano avuto un rapporto stretto con l’arte contemporanea, offrendo un punto di vista sulla contemporaneità e diventando punto di partenza di altre iniziative collaterali.
Un’opera in quattro volumi da ottocentocinquanta pagine l’uno, con oltre quattromila voci, che abbraccia un periodo che va dal 1900 a oggi e che vede tra i nomi del comitato scientifico quelli di Boris Groys dell’Università di Karlsrhue, David Joselit della City University di New York, Horst Bredekamp dell’Università Humboldt di Berlino. Una pubblicazione che nascerà cartacea, ma che si prevede potrà essere disponibile anche in versione digitale sul sito Treccani e che con molta probabilità vedrà una pubblicazione anche in lingua inglese.

Alfabeto Treccani, altro progetto di Treccani Arte, curato da Ilaria Bonacossa, riguarda invece la realizzazione di una collana di ventuno opere inedite su carta, che nasce dalla collaborazione con quella che è la maggiore fiera d’arte contemporanea in Italia, Artissima, che afferisce alla Fondazione Torino Musei, sempre attenta a ricerca e sperimentazione. Alfabeto Treccani ha la particolarità di presentare tre generazioni di artisti italiani attualmente attivi, tra artisti emergenti e artisti affermati che abbiano già preso parte a rassegne internazionali di rilievo o tenuto mostre personali in istituzioni museali importanti e che possano dare una giusta panoramica dell’arte italiana contemporanea. Ventuno artisti in totale, uno per ogni lettera dell’alfabeto a seconda dell’iniziale del loro cognome, per riprendere il concetto della tipica ricerca alfabetica che si utilizza per un’enciclopedia.

Si tratta di opere originali, multipli a tiratura limitata (cinquanta esemplari più dieci prove d’artista), frutto di una stretta collaborazione tra artisti e stamperie o atelier, in molti casi eccellenze nel loro settore, utilizzando tecniche di stampa quali la xilografia, la litografia, l’acquaforte, la serigrafia e la fotolitografia. Un progetto che comunque non vuole fermarsi a un solo artista per lettera, ma che prevede di espandersi per raccogliere in modo organizzato più esperienze e che sta riscontrando un’ottima collaborazione tra la sperimentazione artistica a cui si dedica Artissima e la divulgazione culturale operata da Treccani. Spazio anche sui social per Treccani Arte, e in particolare su una pagina Facebook e Instagram dedicata, ricca di spunti, informazioni, video, foto e indicazioni di eventi che riguardano il panorama dell’arte contemporanea, dove artisti, designer, artigiani e produttori trovano il loro spazio e dove l’utente può usufruire di approfondimenti dettagliati.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.